Partecipa infatti alla miniserie di Eros Puglielli 48 ore e alla fiction Medicina Generale di Renato de Maria. Due anni dopo è nel cast di Ho sposato uno sbirro, di Carmine Elia.Nel 2007 la sua partecipazione a progetti cinematografici di rilievo diventa sempre più richiesta. Recita nel Sangue dei Vinti di Michele Soavi, in Cemento Armato, film d’esordio del regista Marco Martani e in Un gioco da ragazze, di Matteo Rovere.La popolarità arriva con I segreti dell’isola di Korè, serie diretta da Ricky Tognazzi, ma soprattutto con Mannaggia alla miseria, fiction Rai con la regia di Lina Wertmuller, nella quale interpreta il personaggio di Cicchino.Nel 2010, nella serie tv Come un delfino , di Stefano Reali, ha interpretato la parte di Nico.

Souvenir del Vietnam. La prima anche titolo di una commedia del 1951. Passata in Italia come Bonzo la scimmia sapiente. Attore principale, Ronald Reagan. Utilizzata nei decenni successivi per varie canzonature pi o meno scorrette.Matt Reeves fa cinema cos Confeziona un amalgama diabolico in cui riconosci almeno una dozzina dei film pi importanti che hai visto in vita tua, sospetti le tracce di un dozzina che non hai mai visto, nonostante ci ti lasci coinvolgere nell del racconto e immergere in un mondo di favola popolato da creature grottesche e spassose che trovi familiari, molto familiari.Diciamolo subito: il segreto del successo delle scimmie sono le scimmie. Predilezione puerile, certo.

Brand New Book. By Essence Magazine! Praise for Home Girls: The survival of these women and their joy makes Home Girls very satisfying. Essence A provocative and important new collection. VADA. Vincenzo Catarsi è morto il 14 giugno all’ospedale di Livorno nel reparto cure palliative, assistito dalla figlia Federica che si è prodigata fino all’ultimo istante. Tutti i cittadini di Vada ma anche tante altre persone che lo hanno conosciuto piangono la sua scomparsa perché Vincenzo era un personaggio arcinoto per le varie attività imprenditoriali, per il talento e per il carattere bonario e ironico allo stesso tempo.

Impacciata, spensierata, dal sorriso disarmante e con un volto che riusciva a essere ancora più carino nonostante le scene da pianto stile clown, la MacLaine offre uno spessore tutto nuovo a una donna spigliata e sentimentale, che preannuncia il femminismo Anni Sessanta, e che si potrebbe racchiudere nella migliore battuta del film: Perché gli esseri umani si innamorano tra di loro? Perché nessuno, ad esempio, si innamora di un canguro?. Con una performance del genere, difficile non sfiorare l’Oscar come miglior attrice non protagonista (vinto da Elizabeth Taylor per Venere in visone) e acchiappare a piene mani un BAFTA, un Golden Globe e la preziosa Coppa Volpi. Oltretutto Wilder dedicò a lei e a Lemmon l’Academy Award per il miglior film.