Dopo aver fatto diverse apparizioni in Due South Due poliziotti a Chicago, La signora in giallo e il telefilm Poltergeist, trova una prima reale notorietà con il ruolo di Marita Covarrubias, una misteriosa dipendente pubblica che diventa un’informatrice per l’agente speciale Fox Mulder in ben quattro stagioni di X Files (1996 2002). Parallelamente, ha recitato la parte di Mary Travis nel telefilm western ispirato al classico I magnifici sette, con Michael Biehn e Ron Perlman, e ha anche recitato nei serial Highlander, The Shield e Major Crimes (2014).Il sodalizio artistico con Frank DarabontMa è grazie all’incontro con Frank Darabont che la sua carriera raggiunge l’apice. Dopo essere stata notata dal regista mentre recitava a teatro “La gatta sul tetto che scotta”, viene invitata a partecipare ai provini del suo nuovo film.

L’esordio di Leste Chen al lungometraggio è un affresco intimista e acuto delle esperienze di vita di quattro ventenni, vicende probabilmente molto simili a quelle vissute del regista stesso, visto che Chen è appena 23enne.I quattro sono esemplari di quella che i media definiscono “strawberry generation”, una generazione di giovanissimi taiwanesi completamente allo sbando che conducono un’esistenza a base di droga, sesso casuale e teppismo, all’insegna della più truce disillusione.Non c’è una vera e propria storia, ma piuttosto una serie di avvenimenti che in qualche modo sono legati tra loro e tutti concorrono a disegnare le personalità dei protagonisti. Difatti il film è diviso in quattro capitoli: “Morte”, “Capelli”, “Tatuaggi”, “Fotografie”, nel corso dei quali i ragazzi hanno a che fare con il sesso etero e omosessuale, la violenza, l’aborto, la droga, il suicidio e quant’altro, in un percorso che li vede pressoché estranei a tutto quanto riguarda le loro vite, eccezion fatta per la loro amicizia. Per quanto sfocata e dichiaratamente effimera, l’amicizia è l’unico valore cui i quattro ragazzi si affidano consapevolmente nel fare delle scelte: il resto è pura casualità.Disinibiti è un film che porta a riflettere, straordinariamente interessante se pensiamo alla giovane età del suo regista.

Nasce a Katy, piccolo sobborgo di Houston nel Texas, dove frequenta l’High School Bengal Brigade. Ginnasta e cheerleader, l’adolescente, durante il liceo, segue un corso di recitazione unicamente per ampliare il suo curriculum di studi.Conseguito il diploma, la ragazza nel 1987 si trasferisce ad Austin per iscriversi all’università: si laurea in Letteratura Inglese quattro anni dopo.Nel frattempo, si appassiona al mondo della celluloide ed esordisce nel thriller televisivo Il Sapore Dell’Omicidio.Nel 1994 Ben Stiller la ingaggia nella commedia anticonformista Giovani, Carini e Disoccupati.Ventiquattro mesi più tardi, la fanciulla si fa notare nelle deliziose vesti della fidanzatina di Tom Cruise nell’apprezzato Jerry Maguire.Da Betty Love a Chicago passando per Bridget JonesAlle soglie del nuovo millennio, si prende cura di un instabile Jim Carrey nello strampalato Io, Me Irene.Sempre nel 2000, Renée si aggiudica il Golden Globe per la convincente interpretazione della stravagante Betty Love.L’anno successivo, l’affascinate star diviene l’idolo di tutte le inconsolabili single del pianeta, con il ruolo della paffutella più amata del cinema ne Il Diario di Bridget Jones.Stella consacrata di Hollywood, la Zellweger ottiene con la pellicola di Sharon Maguire la prima candidatura agli Academy Awards.Il 2003 è segnato dalla fantastica performance dell’indomita Ruby in Ritorno a Cold Mountain: l’opera diretta da Anthony Minghella le fa guadagnare il premio Oscar come Migliore Attrice non Protagonista.Diva strapagata ed ambita, la Zellweger accetta la “modica cifra” di venti milioni di dollari per ingrassare smisuratamente e tornare ad indossare gli ingombranti panni dell’irresistibile biondina londinese in Che pasticcio, Bridget Jones.Di nuovo in forma smagliante, l’artista nel 2005 viene diretta da Ron Howard nel biografico Cinderella Man.In seguito l’attrice ha partecipato al delicato Miss Potter, al film di Ed Harris Appaloosa e al film di George Clooney In amore niente regole. Nel 2009 ha partecipato al film Case 39 e dopo una lunga assenza dalle scene la vedremo nell’atteso ritorno dell’impacciata Bridget in Bridget Jones’s Baby.Vita privataPer quanto riguarda la vita sentimentale, Zelly (cosi soprannominata da amici e parenti) è stata legata ai colleghi Rory Cochrane e Jim Carrey.Poi, dopo un breve flirt con il rocker Jack White ed il matrimonio lampo con il musicista country Kenny Chesney, Renée è stata vista in compagnia dell’ex star di Beverly Hills 90210: Luke Perry.