Dopo il grande successo diRoom, candidato a quattro premi Oscar, il registaLenny Abrahamsontorna con The Little Stranger con Domhnall Gleesonprotagonista, oltre a Ruth Wilson, Will Poulter e Charlotte Rampling. Ispirato al romanzo di Sarah Waters e sceneggiato daLucinda Coxon, autrice di The Danish Girl, il thriller racconta la storia del dottor Faraday che per un caso medico viene chiamato alla residenza Hundreds Hall, ma non ha idea del pericolo che sta per correre.Gioca sull’aspetto psicologico anche il dramma di Marc Forster. Chiudi gli occhi racconta di Gina che ha perso la vista da bambina e dipende completamente dal marito, ma in seguito a un intervento chirurgico, recupera la vista e riscopre il mondo.

Di Donatella Genta15 Giugno 2018Lo smartphone ormai uno degli accessori pi importanti del nostro look: sempre in vista mentre scattiamo foto, chattiamo o lavoriamo, il suo stile deve armonizzarsi con il nostro. Ma non fermiamoci solo alle apparenze o alle mode del Oltre che bello, il cellulare deve anche rispondere all che ne facciamo. Mai come ora il cellulare pu fare scatti paragonabili quasi a quelli di una macchina professionale, diventare super funzionale come un mini tablet e avere in memoria tutta la nostra agenda/giornata, da consultare velocemente.

Max è un wedding planner navigato e logorato alla vigilia di un matrimonio e di una consegna. L’ultima corvée è un ricevimento di nozze nel giardino di un castello del XVII secolo con sposa vaga, sposo pretenzioso, commensali borghesi e un’équipe fedele quanto incompetente. Julien, valletto melanconico innamorato del ‘bel parlare’, James, animatore démodé, Guy, fotografo scroccone, Josiane, amante (im)paziente di Max, Adèle, delfina irascibile di Max, Samy, cameriere clandestino, sono alcuni dei membri di una brigata multietnica occupata a rendere indimenticabile il giorno più bello di Pierre ed Héléna.

Sfuma il sonoro ed ecco apparire una bionda angelica sull’altalena in un giardino fiorito, chiara reminiscenza della pace sognata. Tutto questo vale in letteratura, dove l’introspezione è il valore più importante, in questo film diventa un intoppo pretestuoso e fastidioso che rompe il filo del racconto e finisce per sfuocare tutti i registri. Lo scrittore Jones era stato servito molto meglio in Da qui all’eternità.

Paese che vai, autolimitazioni che trovi. Benjamin McKenzie Schenkkan è nato ad Austin 36 anni fa, da padre avvocato e madre poetessa. Un’infanzia come ama definirla “all american”: “Io e i miei fratelli andavamo da soli a scuola, a piedi o in bicicletta, facevamo tanti giochi e sport di squadra.