MyHeritage un servizio con sede in Israele, simile a molti altri attivi nell’analisi e nella scansione del DNA tramite un piccolo campione derivante dalla saliva delle persone che vogliono sottoporsi a questo esame. Si tratta di un servizio a pagamento che, per poche decine di dollari, consente di mettere il DNA a disposizione di un database da cui ricavarne possibili mutazioni pericolose, possibili legami ancestrali con altre persone (lontani parenti legati da chiss qual legame) ed altre informazioni di questo tipo. La curiosit per l’utente abnorme, poich significa mettere il proprio codice sorgente a disposizione di esperti in grado di ricavarne informazioni sulla base di confronti con altri DNA.

Ci fu un tempo in cui la vita di Lance Henriksen era un orrore, nel vero senso della parola! Mentre ci fu anche un tempo in cui infestazioni, epidemie e invasioni spaziali resero la vita di Lance Henriksen una fiaba a lieto fine! Ma chi è quest’uomo? Solo il più noto caratterista di pellicole horror e thriller che ci sia in circolazione a Hollywood! Diventato celebre intorno agli Anni Ottanta, quando si parlava di mutazioni e si poneva al centro della trama di molti film la paura e la degenerazione, sembra difficile immaginare che la sua vita, prima del mestiere di attore, fosse la vita di un vagabondo! Una storia che parte da molto lontano, la sua, ma che arriva ai nostri giorni, ritrovando un terreno fertile nella riscoperta del pulp, delle possibilità degli effetti speciali e dell’angoscia nei confronti del futuro. Ed è proprio cavalcando il terrore che Lance Henriksen incombe sullo spettatore, come minaccia o come salvezza, ma comunque e sempre come oggetto di fascinazione cinematografica. Diventa un detective che se la deve vedere contro le insidie mortali di un cyborg dalle fattezze di Schwarzenegger (Terminator, un ruolo che doveva essere suo, lo ricordiamo), ma poi si reinventa l’ennesimo liberatore dei tre cenobiti di un film della saga di Hellraiser, che (ovviamente) lo fanno a pezzi senza pensarci due volte.

Claw dell’ispettore Gadget; Megaton dei Transformers; alcuni puffi; il cane blu Foofur; alcuni personaggi di DuckTales e degli Amici Cercafamiglia; il dinosauro Denver; Slimer dei Ghostbusters; passando per Charlie Brown; Nightcrawler degli X Men; Kermit dei Muppet Babies; Meat di Marsupilami; Lava Lord di Mighty Max e concludendo con alcuni personaggi dei Griffin, di Futurama, di Billy e Mandy e del laboratorio di Dexter. Ma la lista è ancora lunghissima.I telefilm nei quali ha recitatoPer quanto riguarda la sua presenza sul piccolo schermo, presenza in carne e ossa, Frank Welker recita (sporadicamente) in qualche episodio di La famiglia Partridge (1972), Love, American Style (1973), Simon Simon (1984) e Autostop per il cielo (1986). Ma è indubbiamente da sottolineare che senza Frank Welker gli americani avrebbero fatto a meno dell’ottimo doppiaggio di alcuni personaggi dei lungometraggi animati di Hayao Miyazaki e di molti altri di casa Disney, fra i quali spicca Aladdin (1992) di John Musker e Ron Clements, all’interno del quale Welker presta i suoi “versi” alla scimmia Abu.Con Shia LaBeouf, Josh Duhamel, Rosie Huntington Whiteley, John Malkovich, Hugo Weaving.continua Patrick Dempsey, Ken Jeong, John Turturro, Frances McDormand, Alan Tudyk, Tyrese Gibson, Frank Welker, Peter Cullen, Keiko Agena, Kevin Dunn, Karyn Parsons, James Avery, Julie White, Lester Speight, Charles Adler, Kym Whitley, Glenn Morshower, Corey Burton, Ramon Rodriguez, Robert Foxworth, Mark Ryan, Jess Harnell, Anthony Azizi, Kathleen Gati, Jack Donner, David St.