Fra i tanti, Bruce Dern può aspirare a un posto di riguardo nell’immaginario collettivo. Tra le disparità e le dimenticanze del cinema hollywoodiano, non è fortunatamente mai passato scandalosamente sottotono, anche se ha comunque avuto un rapporto controverso con gli Studios, sempre pronti a celebrare la genialità degli attori che illumina maggiormente (anche per puro guadagno), ma non a mettere sotto i riflettori chi concretamente trasuda genialità nella recitazione. La grandezza indiscutibile di Dern è molto privata, e il suo tentativo, che ancora dura, di coniugare la propria sensibilità americana (fatta di cultura, raffinatezze e ossessioni che ben riesce a rappresentare) con la concretezza del personaggio popolare da indossare, rivelandosi poco imitabile nei ritratti di sociopatici, psicotici e criminali osannati con illustrissimi premi.Nato a Chicago, nell’Illinois, figlio di Jean MacLeish e John Dern, ha avuto come nonno il governatore dello Utah e Segretario di Guerra George Henry Dern e come zio il poeta Archibald MacLeish.

M anetti Bros: nata così, ci sarà di sicuro una terza serie e, in questi termini, è una serie a tutti gli effetti! Però, è anche vero che se Coliandro diventasse una serie lunga, perderebbe la sua caratteristica. Noi cerchiamo di trattare tutte le puntate come un film, in cui la storia inizia e si conclude; salvo le peculiarità dei personaggi, una storia orizzontale non esiste. Questa, comunque, è una scelta che è stata oggetto di discussione con la rete.

Superbamente queer, Favola è improntato a un’esplosione cromatica travolgente tesa a illustrare i personaggi e a suggerire l’ambiente sociale che comprende la vicenda. Si ride (anche) molto nella commedia di genere (sessuale) sceneggiata da Mauri e Timi e quando un film diverte a tal punto non si può che essere riconoscenti col talento e la generosità dei suoi autori. L’ironia è ingrediente antico del melodramma, perché il dolore ferisce tanto più intensamente quanto più si conosce il piacere.

Not so 236 years ago when leaders in America 13 original colonies in a hot room in Philadelphia decided to break their ties with Britain. On July 4, 1776 the Continental Congress approved the text of the Declaration of Independence George letter, if you will, by which the colonists told the British are breaking from you and here why. But who were these men and what happened to them after they affixed their names to a document that led to a revolution and the start of a new nation?.